Condividi

di Beppe Grillo – Domenica, settimana #192. Come sempre rivediamo le uscite settimanali del Blog.

Qualche giorno fa è stato pubblicato lo “Smart City Index 2021” , che classifica le città più “smart”, tecnologicamente all’avanguardia, ma anche impegnate su questioni ecologiche, sanitarie e sociali. Ecco la classifica, a distanza dall’ultimo rapporto di 3 anni fa. 

Ogni anno l’evasione tributaria ed evasione contributiva fa “sparire” almeno 110 miliardi di euro dalle casse dello Stato. Un danno 2.200 volte superiore a quello causato dai “furbetti” del Reddito di Cittadinanza (pari a 50 milioni di euro quest’anno). Eppure sembra che il male del Paese sia proprio il Reddito di Cittadinanza, la misura che per legge prevede il maggior numero di controlli. Leggete e condividete!

E sempre su Reddito di Cittadinanza che ‘‘svolge effettivamente una funzione redistributiva”. A dirlo è stato il presidente dell’Istat, Gian Carlo Blangiardo, nel corso dell’audizione sulla legge di bilancio nelle commissioni Bilancio di Camera e Senato che si è tenuta in settimana. Notizia non uscita sui giornali. Chissà perche…Leggete qui. 

Il Cile è conosciuto in tutto il mondo per le sue incredibili catene montuose. Ma c’è una montagna situata nel deserto di Atacama che è diversa dalle altre: una montagna di vestiti mai indossati, che sta ricoprendo le dune del deserto. Un mare di Fast Fashion.

“La competizione per i talenti tra i paesi si svolge sullo sfondo del cambiamento climatico. E i paesi con una popolazione in crescita ne usciranno più forti. La prossima fase della civiltà umana è mobile oltre che sostenibile. La migrazione è un diritto umano“. E’ il pensiero del politologo Parag Khanna, che nel suo ultimo libro “Move” esamina le potenti forze globali che causeranno il trasferimento di miliardi di persone nei prossimi decenni. Prendetevi del tempo e leggetevelo. 

Quasi la metà della popolazione mondiale ha una cattiva alimentazione, con conseguenze dannose per la salute ma anche per il pianeta. E’ quello che emerge da un recente rapporto intitolato “Global Nutrition Report” (GNR).

Il governo israeliano ha lanciato un’app per incoraggiare i cittadini a essere più rispettosi dell’ambiente, premiandoli con monete virtuali quando raccolgono i rifiuti. Eccola qui. 

Questa appena trascorsa è stata la settimana del Black Friday. Un motivo per molti di fare acquisti folli ma per molti per fare un reset di questa società degli eccessi. C’è un modo per ridurre i nostri consumi salvaguardando il pianeta senza innescare un collasso economico? Che cosa succederebbe alla nostra società e al pianeta su cui viviamo se improvvisamente decidessimo di non acquistare più vestiti, alimenti nei supermercati, l’elettricità nascosta dietro ogni interruttore, l’aria condizionata, il carburante e ogni altro bene che oggi definisce il nostro mondo? E’ il presupposto con cui JB Mackinnon ha scritto il suo ultimo libro intitolato: Il giorno in cui il mondo smette di comprare. 

Buona domenica a voi tutti.

BG

image_pdfScarica la pagina in PDFimage_printStampa la pagina