Condividi
Photo Di Shutterstock

Scienziati di tutto il mondo hanno notato che ultimamente la Terra sta ruotando sul proprio asse più velocemente, come mai registrato prima d’ora. Diversi scienziati hanno parlato alla stampa del fenomeno insolito, sottolineando che lo scorso anno sono stati registrati alcuni dei giorni più brevi mai registrati.

Diversi decenni fa, lo sviluppo di orologi atomici iniziò a consentire agli scienziati di registrare il passare del tempo in incrementi incredibilmente piccoli, a sua volta, consentendo di misurare la lunghezza di un dato giorno fino al millisecondo. E questo ha portato alla scoperta che la rotazione del pianeta è in realtà molto più variabile di quanto si pensasse. Da quando sono iniziate tali misurazioni, gli scienziati hanno anche scoperto che la Terra stava rallentando la sua rotazione molto gradualmente, fino allo scorso anno, quando ha iniziato a girare più velocemente, tanto che alcuni hanno iniziato a chiedersi se quest’anno potrebbe essere necessario un secondo intercalare negativo, un suggerimento senza precedenti (se la rotazione della Terra diventa troppo fuori sincronia con il battito super costante degli orologi atomici, è possibile utilizzare un secondo intercalare positivo o negativo per riportarli in allineamento).

Gli scienziati hanno anche notato che la scorsa estate, il 19 luglio, è stato il giorno più breve mai registrato: è stato di 1.4602 millisecondi più breve dello standard.

Gli scienziati non sono preoccupati per la nuova scoperta; hanno imparato che ci sono molti fattori che hanno un impatto sulla rotazione planetaria, tra cui l’attrazione della luna, i livelli di neve e gelo e l’erosione delle montagne. Hanno anche iniziato a chiedersi se il riscaldamento globale possa spingere la Terra a ruotare più velocemente mentre le cime innevate e le nevi ad alta quota iniziano pian piano a scomparire.

Di contro, gli informatici sono un po’ preoccupati per la velocità di rotazione variabile: gran parte della tecnologia moderna si basa su ciò che viene descritto come “tempo reale”. L’aggiunta di un secondo salto negativo potrebbe portare a problemi, quindi alcuni hanno suggerito di spostare gli orologi del mondo, da ora solare a tempo atomico internazionale.

image_pdfScarica la pagina in PDFimage_printStampa la pagina