Condividi

di Beppe Grillo – Settimana numero 185. Come ogni domenica rivediamo insieme le ultime uscite del Blog:

“Ho sempre avuto una passione per i numeri e così, da buon ragioniere, in questi ultimi giorni ho preso carta e penna e ho buttato giù alcuni appunti che voglio condividere con voi”. Se non lo avete ancora letto, ecco il mio ultimo post.

Un team del Barcelona Institute for Global Health ha identificato le città europee con i tassi di mortalità più alti e più bassi attribuibili alla mancanza di spazi verdi. Il team ha analizzato più di 1.000 città in 31 paesi europei e ha concluso che si potrebbero prevenire fino a 43.000 morti premature ogni anno se queste città soddisfacessero le raccomandazioni dell’OMS sulla vicinanza delle abitazioni allo spazio verde. Ecco la classifica generale.

Il 6 Ottobre è stato assegnato il Nobel per la Chimica a List e MacMillan per l’Organocatalisi asimmetrica. Ecco perché questo Premio è un Nobel alla Transizione Ecologica. Leggete e condividete questo interessante approfondimento di Marco Bella!

La storia de “Il cervo e il cavallo” di Stesicoro sembra la metafora del rapporto tra Italia e Stati Uniti. Ecco perché, in questo post di Torquato Cardilli.

“Potremmo essere in grado di alimentare il mondo solo dai pannelli solari sui tetti”. È questa la sintesi di un importante recente studio di un team di ricerca che ha valutato il potenziale globale del fotovoltaico utilizzando big data, machine learning e analisi geospaziale. Ecco tutti i dati.

In queste ultime settimane stiamo registrando delle prime manifestazioni di una crisi energetica generalizzata, con prezzi alle stelle e rallentamento di alcuni siti produttivi. Facciamo il punto con Fabio Massimo Parenti.

Ed ancora con il nostro Davide Crippa abbiamo analizzato lo scenario energetico attuale. I prezzi dell’energia continuano inesorabilmente la loro ascesa. Bisogna agire subito e gestire questa “epidemia energetica” con coraggio e con un fronte comune europeo, senza perdere altro tempo. Leggete qui. 

Ieri si è celebrata la Giornata Mondiale dell’Alimentazione, un’importante opportunità per ricordare come e perché il cibo è importante per le persone. Ci sono 2,1 miliardi di persone obese o in sovrappeso nel mondo, sia nei paesi in via di sviluppo che industrializzati. Allo stesso tempo, almeno 815 milioni di persone in tutto il mondo hanno fame. Un paradosso: siamo obesi in un mondo affamato! Leggete qui!

Come sempre vi ricordo di firmare la petizione per chiedere all’Europa l’introduzione di un Reddito di Base Universale per gli stati membri. Leggete, firmate e condividete!

Buona domenica!

B.

image_pdfScarica la pagina in PDFimage_printStampa la pagina