Condividi

di Theo Tzanidis – L’idea di spendere migliaia o addirittura milioni di dollari per acquistare “terreni” fittizi in un mondo virtuale suona, a dire il vero, assurda.

Ma negli ultimi mesi abbiamo assistito a investimenti significativi nel settore immobiliare all’interno del Metaverso. PwC è tra gli ultimi a tuffarsi, avendo acquistato immobili in The Sandbox, un mondo di gioco virtuale, per un importo non divulgato.

Se le altre vendite segnalate fossero qualcosa su cui basarsi, sarebbe stata una bella somma. Una persona ha recentemente acquistato un appezzamento di terreno nello Snoopverse – un mondo virtuale che il rapper Snoop Dogg sta sviluppando all’interno di The Sandbox – per 450.000 dollari.

Nel frattempo, il Metaverse Group, una società immobiliare focalizzata sull’economia del metaverso, avrebbe acquistato un appezzamento di terreno a Decentraland, un’altra piattaforma virtuale, per 2,43 milioni di dollari.

Rinfreschiamoci su cos’è il “metaverso“. Probabilmente hai sentito molto il termine quando Facebook ha cambiato il marchio in Meta nell’ottobre 2021. Anche altre società, come Nike e Microsoft, hanno annunciato che si lanceranno in questo spazio.

Il metaverso descrive una visione di un mondo virtuale 3D connesso, in cui il mondo reale e quello digitale sono integrati utilizzando tecnologie come la realtà virtuale (VR) e la realtà aumentata (AR). Questo ambiente coinvolgente sarà accessibile attraverso visori VR, occhiali AR e app per smartphone.

Gli utenti si incontreranno e comunicheranno come avatar digitali, esploreranno nuove aree e creeranno contenuti. L’idea è che il Metaverso si svilupperà per diventare uno spazio virtuale collaborativo in cui possiamo socializzare, giocare, lavorare e imparare.

Esistono già diversi metaversi, ad esempio in piattaforme di gioco virtuali come The Sandbox e mondi virtuali come Decentraland. Allo stesso modo in cui un sito Web fa parte del più ampio World Wide Web 2D, i singoli metaversi formeranno un metaverso più ampio e connesso.

È importante sottolineare che, come nel mondo reale, è e sarà sempre più possibile acquistare cose nel metaverso, compreso il settore immobiliare.

Le transazioni nel mondo virtuale sono generalmente monetizzate utilizzando la criptovaluta. Oltre alle criptovalute, i token non fungibili (NFT) sono il metodo principale per monetizzare e scambiare valore all’interno del metaverso.

Un NFT è una risorsa digitale unica. Sebbene le NFT siano principalmente oggetti di arte digitale (come video, immagini, musica o oggetti 3D), una varietà di risorse può costituire una NFT, incluso il patrimonio immobiliare virtuale. Su piattaforme come OpenSea, dove le persone vanno a comprare e scambiare NFT, ora ci sono appezzamenti di terreno o persino case virtuali.

Per garantire che gli immobili digitali abbiano valore, l’offerta è limitata, un concetto in economia chiamato “valore di scarsità”. Ad esempio, Decentraland è composto da 90.000 pezzi o “pacchi” di terra, ciascuno di circa 50 piedi per 50 piedi.

Stiamo già vedendo esempi in cui il valore degli immobili virtuali sta aumentando. Nel giugno 2021, un fondo di investimento immobiliare digitale chiamato Republic Realm avrebbe speso l’equivalente di oltre 900.000 dollari USA per acquistare un NFT che rappresentava un appezzamento su Decentraland. Secondo DappRadar, un sito Web che tiene traccia dei dati di vendita di NFT, è stato l’acquisto più costoso di terreni NFT nella storia di Decentraland.

Ma poi, come sappiamo, nel novembre 2021, il Metaverse Group ha acquistato il loro appezzamento a Decentraland per 2,4 milioni di dollari. La dimensione di questo acquisto era in realtà inferiore rispetto al precedente: 116 appezzamenti di terreno rispetto ai 259 acquistati da Republic Realm.

Non è solo Decentraland a vedere apprezzamenti. Nel febbraio 2021, Axie Infinity (un altro mondo di gioco virtuale) avrebbe venduto nove dei suoi appezzamenti di terreno per l’equivalente di 1,5 milioni di dollari – un record, ha affermato la società – prima che un appezzamento di terreno fosse venduto per 2,3 milioni di dollari nel novembre 2021.

Sebbene sembri che i valori stiano salendo, è importante riconoscere che gli investimenti nel settore immobiliare nel metaverso rimangono estremamente speculativi. Nessuno può essere certo se questo boom sarà la prossima grande cosa o la prossima grande bolla.

Incentivi finanziari a parte, cosa faranno effettivamente le aziende e gli individui con la loro terra virtuale?

Ad esempio, l’acquisto del Gruppo Metaverse è nel distretto della moda di Decentraland. Secondo l’acquirente, lo spazio sarà utilizzato per ospitare eventi di moda digitale e vendere abbigliamento virtuale per avatar, un’altra potenziale area di crescita nel metaverso.

Mentre gli investitori e le aziende stanno dominando questo spazio al momento, non tutti gli immobili del metaverso faranno guadagnare milioni. Ma cosa potrebbe servire possedere un terreno virtuale? Se si acquista una proprietà fisica nel mondo reale, il risultato è tangibile: un posto dove vivere, essere orgoglioso, accogliere la famiglia e gli amici.

Sebbene la proprietà virtuale non fornisca un riparo fisico, ci sono alcuni parallelismi. Acquistando immobili virtuali, potremmo acquistare un pezzo di terra su cui costruire. Oppure potremmo scegliere una casa già costruita che ci piace. Potremmo personalizzarlo con vari oggetti (digitali). Potremmo invitare visitatori e visitare anche le case virtuali di altri.

Questa visione è lontana. Ma se sembra del tutto assurdo, dovremmo ricordare che una volta le persone avevano dei dubbi sul potenziale significato di Internet, e poi dei social media. I tecnologi prevedono che il metaverso maturerà in un’economia pienamente funzionante nei prossimi anni, fornendo un’esperienza digitale sincrona intrecciata nelle nostre vite come lo sono ora la posta elettronica e i social network.

 

Theo Tzanidis è Professore di Marketing Digitale presso la University of the West of Scotland

 

image_pdfScarica la pagina in PDFimage_printStampa la pagina