Condividi
Photo Di Shutterstock -

Circa 4 persone su 10 in tutto il mondo posseggono uno smartphone e nel nostro paese ben 7 italiani su 10. Un numero che continua a crescere rapidamente.

È difficile sopravvalutare l’impatto che gli smartphone hanno avuto sul nostro comportamento umano: sono parte di una trasformazione digitale che ha rivoluzionato moltissimi aspetti della vita di tutti noi. Ma poiché le vendite degli smartphone sono aumentate alle stelle (più di 1 miliardo ogni anno) anche il flusso di rifiuti e le emissioni di carbonio sono saliti alle stelle.

Gli smartphone hanno il potenziale per alimentare le economie e migliorare la vita senza danneggiare la terra, ma solo se riconsideriamo i loro cicli di vita e pensiamo al di là del riciclaggio.

Dal punto di vista delle emissioni di carbonio, gli smartphone producono l’ 85-95% delle loro emissioni nella fase di produzione, pari almeno alle emissioni di carbonio annuali di un piccolo paese.

Gli smartphone contribuiscono anche a circa il 10% dei rifiuti elettronici globali, un numero che si stima peserà più di 50 milioni di tonnellate nel 2019. Ciò significa che ogni anno da smartphone e dispositivi simili vengono creati flussi di rifiuti equivalenti a più di 300.000 autobus a due piani! Questi flussi sono sia altamente inquinanti che altamente dispendiosi: il valore potenziale delle materie prime nei rifiuti elettronici è stato valutato a 57 milioni di dollari nel 2019. Nel frattempo, i tassi di riciclaggio nell’elettronica si sono attestati solo al 17% nel 2019 , il che significa che la stragrande maggioranza di questo valore non viene raccolto.

Con l’aumento delle vendite, i metalli preziosi e i materiali necessari per produrre gli smartphone sono diventati più scarsi. La carenza di microchip che sta colpendo in modo più evidente l’industria automobilistica sta anche mettendo a dura prova i produttori di smartphone che stanno lottando per soddisfare la domanda. Quando si tratta di metalli preziosi, la Royal Society of Chemistry stima che 6 degli elementi chiave per i telefoni cellulari si esauriranno nei prossimi 100 anni. Ed è bene ricordare che questi elementi saranno necessari per molte applicazioni fondamentali per la transizione energetica, alcune delle quali oggi non esistono nemmeno.

Sebbene sia necessario riciclare gli smartphone quando i telefoni raggiungono veramente la fase di fine vita, mantenere i telefoni in uso più a lungo, riduce i flussi di rifiuti e significa meno energia necessaria per i processi di riciclaggio. L’estensione della durata di vita dello smartphone dovrebbe quindi essere un obiettivo chiave per tutte le parti interessate che cercano di ridurre i rifiuti elettronici.

Negli Stati Uniti, gli smartphone vengono sostituiti circa ogni 3 anni. Il progetto re-start stima che, a livello globale, aumentare la durata di vita di uno smartphone del 33% (es. sostituendolo dopo 4 anni invece di 3) potrebbe prevenire emissioni annuali di carbonio pari alle emissioni annuali generate dall’Irlanda. Inoltre, utilizzare i telefoni per periodi più lunghi e gettarli via meno regolarmente può ridurre i flussi di rifiuti che devono essere riciclati. (Ipotizzando 60 anni di possesso di uno smartphone, aumentare la durata dello smartphone da tre a quattro anni rappresenterebbe un passaggio da 20 smartphone a 15 smartphone, una diminuzione del 25% nel numero di dispositivi utilizzati).

Tuttavia, estendere la durata dello smartphone non è un compito facile. In primo luogo, i produttori hanno tradizionalmente utilizzato l’obsolescenza programmata per garantire che i dispositivi funzionino solo per un certo numero di anni, garantendo così un flusso costante di vendite future. In secondo luogo, i telefoni non sono in genere progettati pensando alla riparazione o al riutilizzo. Ciò ha reso spesso molto difficile o addirittura impossibile sostituire le parti che hanno smesso di funzionare. In pratica, questo significa che una batteria o una uscita jack mal funzionanti possono significare la fine della vita di un intero dispositivo, anche se il resto dei suoi componenti funziona perfettamente.

Chi spinge per le riparazioni non ha una strada facile. Pochi produttori di smartphone dispongono attualmente dell’infrastruttura (ad es. strutture di ristrutturazione) per riparare/rinnovare i telefoni su larga scala (sebbene potrebbe essere un’opportunità a livello di rivenditore). I produttori a volte sono anche restii a fornire pezzi di ricambio a terzi, mantenendo essenzialmente un monopolio sulla riparazione e talvolta aumentando il prezzo della riparazione a livelli non tollerabili. Di conseguenza, i consumatori hanno accesso solo a servizi di riparazione limitati e hanno poca conoscenza di quali servizi sono affidabili e quanto dovrebbero costare tali servizi.

L’accesso alle riparazioni sta però lentamente cambiando, in particolare in Europa, poiché i paesi abbracciano l’economia circolare, un approccio alle risorse che cerca di eliminare gli sprechi e mantenere tutti i materiali in circolazione continua.
I produttori di smartphone, guidati dalla pionieristica Fairphone (ne abbiamo parlato qui sul Blog) – un’azienda che ha reso popolari gli smartphone riparabili e aggiornabili – stanno sempre più cercando di incorporare un design modulare nei loro telefoni. Le parti malfunzionanti dei telefoni possono essere sostituite singolarmente e quindi ricondizionate per l’utilizzo in telefoni nuovi/ricondizionati o in altre applicazioni.

Inoltre, anche i servizi per la riparazione dell’elettronica stanno lentamente diventando più accessibili ai consumatori: stanno spuntando mercati che collegano i consumatori a servizi affidabili, il che significa che i consumatori sono meglio attrezzati per prendere decisioni sulla qualità della riparazione e sul prezzo.
Inoltre, il “diritto alla riparazione” dell’UE, sancito dal suo pionieristico piano di economia circolare, sta già innescando un cambiamento in Europa. In Francia, nel 2021 è stato introdotto un indice di riparabilità autodichiarato , che mira a informare i consumatori sulla facilità di riparazione dei diversi dispositivi elettronici, fornendo ai consumatori trasparenza sulla facilità con cui possono affrontare i dispositivi malfunzionanti.
Anche le iniziative finanziarie si stanno rivelando promettenti. In Svezia esistono incentivi fiscali fino a quasi 2500 euro per le riparazioni di elettrodomestici, e sistemi simili (sebbene meno redditizi) esistono in Austria.

Il “diritto alla riparazione” dovrebbe applicarsi anche agli aggiornamenti del software, il che significa che i produttori non possono più rifiutarsi di aggiornare il software dopo un periodo di tempo predeterminato (spesso cinque anni). Tali modifiche potrebbero mantenere in uso i telefoni che altrimenti sarebbero resi inutili.

Il cambiamento richiederà anche nuovi approcci al business. Sebbene i telefoni siano stati spesso venduti tramite contratti di 18-24 mesi, questi potrebbero semplicemente diventare leasing, in cui il telefono viene restituito alla fine del periodo contrattuale. Ciò consentirebbe ai produttori di reclamare tutte le materie prime nei loro prodotti e di rinnovarli per una seconda, terza o quarta vita. L’utilizzo di schemi di deposito per incentivare la restituzione dei telefoni acquistati è un altro approccio. Il leasing di telefoni come parte di un “phone-as-a-service” funziona in modo simile.

Ulteriori idee includono fornire alle aziende soluzioni per incentivare i propri dipendenti a utilizzare un solo telefono (piuttosto che tenerne uno per lavoro e uno personale) separando efficacemente le funzionalità personali e aziendali di uno smartphone. Ciò potrebbe teoricamente ridurre significativamente la necessità di telefoni aziendali: se metà della forza lavoro dei colletti bianchi del mondo utilizza due telefoni (uno personale, uno aziendale), oltre mezzo miliardo di dispositivi non sarebbero più necessari.

La responsabilità di gestire questi cambiamenti spetta in primo luogo ai produttori, ma richiede anche il sostegno della politica e dei consumatori. Gli smartphone sono diventati una forma di consumo cospicuo e sostituirli regolarmente è diventato un luogo comune per molti: cambiare questa mentalità del consumatore sarà la svolta. I governi dovranno anche facilitare l’estensione della durata della vita, attraverso incentivi e regolamenti appropriati.

Gli smartphone e l’elettronica potrebbero non essere il flusso di rifiuti più visibile, ma devono comunque essere affrontati con urgenza. Con l’aumento dell’uso degli smartphone, cresceranno anche i flussi di rifiuti e la loro tossicità associata, nonché le emissioni di carbonio.

Il mondo è seduto su una (letterale) miniera d’oro quando si tratta di flussi di rifiuti di smartphone. Garantire che questi materiali rimangano in circolazione il più a lungo possibile e quindi non vadano sprecati è sia economicamente efficiente che positivo per l’ambiente.

image_pdfScarica la pagina in PDFimage_printStampa la pagina