Condividi

Marco Bazzoni, operaio metalmeccanico e Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, ha deciso di spiegare perché a suo giudizio è improprio e fuorviante definire “morti bianche” gli incidenti mortali sul lavoro. E lo fa con una poesia che diventa denuncia, appello e rivendicazione.

 

[email protected]