Condividi

Ci sono alcuni punti fermi nell’intero universo, come i quattro elementi, le quattro direzioni cardinali e, naturalmente le quattro forze della natura, quelle che fanno muovere le particelle in modi diversi, come la gravità e l’elettromagnetismo.

Tutto è stato così, almeno fino ad ora.

Alcuni fisici che stanno lavorando a Chicago con una particella fondamentale chiamata muone, hanno fatto alcune scoperte che necessitano una quinta forza della natura.

Chiamato l’esperimento Muon g-2, condotto presso il Fermi Laboratory del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti, i risultati potrebbero indicare una particella sconosciuta o una forza completamente nuova che agisce nell’universo.

In pratica, mentre lavoravano in un acceleratore di particelle, un team internazionale di ricercatori ha scoperto che alcune particelle “vacillavano” in modi che non potevano essere spiegati dall’attuale teoria delle quattro forze: gravità, elettromagnetismo e due forze nucleari: la forza forte e la forza debole.

I muoni vengono prodotti quando i raggi cosmici colpiscono l’atmosfera terrestre e sono circa 200 volte più massiccii di suo cugino, l’elettrone. Ma quando i teorici hanno calcolato la sua massa, usando tutte le forze e le particelle conosciute nel Modello Standard, “non otteniamo la stessa risposta”, ha detto  Renee Fatemi, fisico responsabile del progetto.

Questo non è il solo conto che non torna.

Diversi misteri pervadono l’astrofisica che potrebbero essere attribuibili a una forza della natura non ancora rilevata, come ad esempio il motivo per cui le galassie ruotano più velocemente di quanto suggeriscano i calcoli matematici.

Chiaramente, questo è molto eccitante perché potenzialmente punta a un futuro con nuove leggi della fisica, nuove particelle e una nuova forza che non abbiamo visto fino ad oggi.

Tuttavia, per ora l’esperimento porta attualmente un “1” invece di uno “0” nella colonna etichettata “possibilità che questo potrebbe essere stato nient’altro che un caso fortuito”.

image_pdfScarica la pagina in PDFimage_printStampa la pagina