Condividi

Un Natale festeggiato alla grande potrebbe costarci l’equivalente di un paio di mesi di uno stile di vita a 10 tonnellate.

Mike Berners-Lee, nel suo libro “La tua impronta”, in cui insegna a calcolare quanta anidride carbonica consumiamo, ha calcolato come i festeggiamenti natalizi contribuiscano al riscaldamento globale. Anche se potreste trovarvi a rinunciare a qualche abitudine e a negoziare questioni delicate con i vostri familiari, per la maggior parte di noi potrebbe essere un’opportunità impagabile per evitare, anche solo parzialmente, il consumismo sfrenato, lo stress, e in qualche caso, anche dei debiti. 

Mike Berners-Lee – L’adulto medio spende la ragguardevole cifra di 530 euro in regali, il 20% dei quali completamente indesiderati. Siccome ci sono anche molti regali “parzialmente desiderati”, ho tenuto conto di un “fattore di desiderabilità” del 50% per tutti i doni. Nel periodo festivo spendiamo per il cibo circa 180 euro in più del normale, quindi ho considerato un terzo di spreco, anche se in realtà il cibo gettato nell’immondizia sarà di più in ragione dell’effetto “oh no-ancora-tacchino!” e dal momento che per tutte le feste i pasti sontuosi si susseguono senza sosta finché non abbiamo raggiunto la soglia “mentina”. Le lucine colorate bruciano circa 45 kilowatt ora. L’adulto medio spedisce circa 20 biglietti di auguri, la cui impronta deriva principalmente dalla spedizione, non dalla carta. Di solito percorriamo 80 chilometri a testa in più rispetto al solito, e di norma in auto.

Nello scenario a elevate emissioni, spendete 1.200 euro in regali (sì, anche a me sembra estremo, ma è poco più sopra del doppio della media). Purtroppo, in questo caso il “fattore di desiderabilità” scende al 30% perché nella scelta dei regali siete anche peggio di me. I destinatari di questi doni sono troppo in imbarazzo per dirvi la verità o per rivendere gli oggetti, i quali sono destinati a prendere polvere da qualche parte o finiscono in discarica. Decorate casa vostra con luci a profusione, nessuna delle quali a led. Spedite 200 biglietti di auguri di grosse dimensioni, e – per non farvi mancare niente – totalizzate qualcosa come 800 km su un’auto di cilindrata per andare a trovare i parenti.

Sono convinto che lo scenario a basse emissioni possa essere altrettanto festoso e molto meno stressante. Il cibo è ottimo, ma nulla va sprecato. Magari mangiate un po’ più solito, ma nei mesi successivi rimedierete con una sana dieta dimagrante, quindi non lo conteggiamo. I vostri regali sono significativi ma non necessariamente costosi; pregate i vostri amici di essere onesti e di dirvi chiaramente cosa ne pensano, tanto più che avete conservato gli scontrini. Decorate la casa con luci a led. Restate a casa e spedite biglietti solo alle poche persone che non vedete da secoli e con le quali volete restare in contatto. Videochiamate su Skype i parenti lontani e vi accordate per vedervi in un altro periodo dell’anno. Alcuni amici hanno fatto sapere che solo i bambini avrebbero ricevuto regali del valore superiore a 1 sterlina. Hanno chiesto a tutti di fare altrettanto, raccogliendo il denaro risparmiato per donarlo a un ente benefico a loro scelta. Dare e ricevere è diventato così uno scambio di gesti e ha reso tutto più divertente.

 

 

 

image_pdfScarica la pagina in PDFimage_printStampa la pagina