Condividi

di Ma Jun – Smog, acque inquinate, stravolgimenti climatici.  Questo è stato il costo ambientale  dell’enorme crescita in Cina negli ultimi 40 anni.  Allo stesso tempo,  centinaia di milioni di persone sono uscite dalla povertà.  Come ambientalista in Cina, ho assistito in prima persona a tutto ciò.  La sfida che stiamo affrontando ora è:  possiamo ripulire così velocemente e ampiamente la nostra aria, acqua e clima?

La Cina ha 1.4 miliardi di persone,  un’economia ancora in rapida crescita ed è responsabile della quota maggiore delle attuali emissioni di gas serra.  La Cina conosce la sua responsabilità globale e si è impegnata a essere carbon neutral entro il 2060.  Ciò significa che più di 10 miliardi di tonnellate di emissioni di carbonio devono essere fermate o neutralizzate. Ma come possiamo farlo?  La pressante situazione climatica globale richiede a ciascuno di noi non solo di farlo,  ma di farlo più velocemente.

Credo che ci sia una possibilità per noi di avere successo: è il potere della trasparenza;  le informazioni sull’inquinamento rese pubbliche utilizzando Internet mobile e altre tecnologie possono consentire a milioni di cittadini, società e agenzie governative di accelerare il cambiamento.

Sono stato personalmente coinvolto nella campagna per il controllo dell’inquinamento delle acque.  Anni fa, accanto al lago Tai,  il terzo lago d’acqua dolce più grande della Cina,  ho visto un gruppo di pescatori che usavano lunghi mestoli per raccogliere la fioritura delle alghe.  Un pescatore mi ha detto: “Quando ero giovane, in una giornata calda come questa,  mi sarei tuffato nel lago per nuotare. Ma ora i pesci sono spariti e siamo pagati per eliminare le alghe.”  Indicando delle fabbriche non lontane dalla costa, dicendo che il lago non sarebbe stato pulito fino a quando non avrebbero smesso di scaricare.

Anni di ricerca mi hanno insegnato che è molto difficile controllare gli scarichi. Per questo ho ideato una mappa  che può aiutare a capire chi sta inquinando.  Dal 2006,  abbiamo iniziato a compilare i dati di monitoraggio aziendale in un database noto come Blue Map. Abbiamo iniziato con solo duemila registrazioni di violazioni,  ma attraverso anni di promozione dell’applicazione quel numero ha superato i due milioni.  I punti mancanti  nella gestione ambientale della catena di approvvigionamento globale hanno  iniziato a essere collegati quando un gruppo di marchi elettronici e tessili ha  iniziato a confrontare il proprio elenco di fornitori con il nostro elenco di trasgressori.

Ecco come funziona, prendiamo in esempio la mappa del delta del fiume Yangtze,  che copre la regione del lago Tai.  Ogni singola fabbrica –  e ce ne sono decine di migliaia –  è codificata a colori.  Blu e verde vuol dire “buono”, rosso e giallo sta per “cattivo”.  I codici colore derivano dalle violazioni registrate  e dalle segnalazioni pubbliche confermate.  E abbiamo inserito più di quattro milioni di tali punti sulla mappa digitale,  tutti codificati a colori.

Tuttavia, come può una mappa apportare cambiamenti? Ecco un esempio. Una delle più grandi case di tintura era colpevole di molteplici infrazioni, e disse che se avesse trattato i suoi rifiuti senza che anche i suoi vicini lo facessero, sarebbe fallito. Ma poi sono arrivati cinque marchi, come Gap, e hanno detto all’azienda che avrebbero rotto i loro contratti se non avesse trattato correttamente i suoi rifiuti. Rendendosi conto che il modello di approvvigionamento era cambiato, l’azienda ha speso milioni di dollari per portare 12 milioni di tonnellate di acqua contaminata da coloranti e sostanze chimiche a standard di qualità accettabili, e poi ha fatto notevoli investimenti per ridurre il volume delle acque reflue.

Abbiamo fatto la stessa scelta, insieme ai nostri partner, come Green Jiangnan, per i fornitori dell’industria elettronica che producono pezzi per Apple, Dell, Huawei e altri.

Vittorie come queste si stanno moltiplicando per migliorare la gestione della catena di approvvigionamento all’interno dei produttori: dalle fabbriche di abbigliamento alle tessiture, dai laboratori alle tintorie. Oggi, il codice colore può fare la differenza tra un’azienda che ottiene un prestito con una grande banca, come la Postal Bank of China, e una che non lo ottiene. L’uso dei dati di Blue Map, nella filiera verde, serve a più di 14.000 imprese a limitare le infrazioni o a rivelarle al pubblico.

Abbiamo poi sviluppato un’applicazione in modo che la gente potesse accedere ai dati sulla qualità dell’aria e dell’acqua. La funzione più unica dell’app Blue Map è che i nostri utenti accedono ai record degli emettitori,  quindi condividono attraverso i social media, taggando l’account ufficiale. Questo tipo di microreporting  ha motivato alcuni dei più grandi emettitori a cambiare comportamento.

Ecco un esempio: una miniera di acciaio quotata in borsa che ha ripetutamente violato le norme. Il micro-rapporto, realizzato dagli utilizzatori di Blue Map e dalle ONG ha fatto sì che la miniera di acciaio pagasse più di un milione di dollari per ridurre la sua impronta di carbonio, un contributo che ha migliorato notevolmente la qualità dell’aria di una vasta area, che comprende la mia città, Pechino.

Nonostante tanti i successi,  devo riconoscere che la nostra missione è lungi dall’essere compiuta.  Ci sono ancora più di due milioni di record di violazioni nella Blue Map.  Oggi affrontiamo una forte tensione tra salvaguardia ambientale e ripresa economica,  causata dalla pandemia di COVID-19 e dall’incombente catastrofe climatica.  C’è una forte tentazione, nelle regioni e nelle città locali,  di allentare le normative ambientali,  che ha già portato a una impennata delle emissioni di carbonio.

Per questo, io e il mio team abbiamo lanciato una Blue Map for Zero Carbon,  un database che deve portare l’impegno nazionale a lungo termine della Cina fino al punto in cui vengono effettivamente emessi quei 10 miliardi di tonnellate di carbonio.  Attualmente, le città di Pechino, Shanghai sono sulla buona strada,  mentre altre come Tangshan, come Yinchuan, hanno ancora molta strada da fare.

Ora, stiamo lavorando con il nostro partner,  l’Accademia cinese di scienze ambientali,  per valutare l’ambizione climatica locale, le prestazioni e i livelli di inquinamento delle principali province, città e aziende energetiche e di materie prime.  Una chiara lacuna che abbiamo identificato è la mancanza di capacità di misurazione e rendicontazione.  Insieme ad altri partner,  abbiamo sviluppato una piattaforma di contabilità digitale del carbonio.  Finora, più di 5000 aziende sono state motivate da marchi e banche a calcolare e segnalare le proprie emissioni di carbonio o emissioni locali.

Ma il mio sogno è dare la possibilità  a milioni di altre aziende,  di misurare, segnalare e ridurre le loro emissioni.  Tenete presente che molti di loro fanno parte della catena di approvvigionamento globale.  Se conoscete il prodotto che consumate giorno dopo giorno,  spesso ha il 70% o più,  e talvolta fino al 90%, della loro impronta di carbonio nella catena di approvvigionamento,  vi uniresti ai nostri sforzi per motivare i grandi marchi e banche e investitori per rendere ecologici i loro approvvigionamenti e investimenti globali?

E non è solo carbonio.  Oggi espandiamo ulteriormente la Blue Map per coprire i rifiuti, la plastica e persino la biodiversità, in  modo da consentire a più persone di unirsi a questa corsa globale senza precedenti verso lo zero.  Il premio per aver vinto questa gara in corso non è altro che un mondo migliore  per questa generazione e per le generazioni a venire.  Per l’umanità e per tutte le piante e gli animali che chiamano questo pianeta la loro casa.

Ma Jun ha iniziato la sua carriera nel 1993 lavorando per il South China Morning Post , dove le sue ricerche sui problemi ambientali della Cina lo hanno spinto a pubblicare il suo libro del 1999  China’s Water Crisis . Nel 2004 è stato selezionato come Yale World Fellow e nel 2006 ha fondato l’Institute of Public and Environmental Affairs (IPE), un’organizzazione no-profit a Pechino. Con i suoi colleghi ha avviato una catena di approvvigionamento verde, un programma di finanza verde e una supervisione pubblica, motivando più di 16.000 aziende ad affrontare apertamente i loro problemi di violazione o divulgare i dati sulle emissioni. 

image_pdfScarica la pagina in PDFimage_printStampa la pagina