Condividi

Miao Wang, giovane attivista per il clima delle Nazioni Unite, Alok Sharma, presidente della COP26 e Nigel Topping, campione britannico di azioni per il clima della COP26, mostrano come le persone in tutto il mondo si stanno impegnando per combattere i cambiamenti climatici. Di seguito un loro entusiasmante invito all’azione durante un evento ufficiale Tedx. 

Miao Wang: La gente si domanda  perché i giovani chiedano un cambiamento urgente. Chiediamo un cambiamento perché sappiamo che ora è possibile.  Ho visto in prima persona i benefici portati dagli scienziati  con il ripristino delle barriere coralline e il ritorno della vita nelle barriere.  Immaginate un mondo dove l’aria è pulita;  dove tutti hanno accesso all’energia pulita  che serve per cucinare, vivere e studiare;  dove ci si prende cura dei più vulnerabili;  dove le nostre città sono protette dall’innalzamento dei mari  e dove le foreste sono protette e rinselvatichite.  È per questo che, con molti della mia generazione,  mi rivolgo ai leader chiedendo loro di agire con rapidità e urgenza per creare un futuro più equo e sano  per tutte le persone ovunque nel mondo e per il nostro pianeta.

Alok Sharma: Mentre ci riprendiamo dalla pandemia di Covid,  il mondo ha l’occasione di costruire un futuro più sano e resiliente,  creare una società più equa e prospera  e ridurre il rischio di futuri sconvolgimenti.  Molte organizzazioni e istituzioni si sono già mobilitate.  Hanno preso specifici impegni e dati scientifici per un modo a zero emissioni nette.  A partire dalla fine di settembre, oltre 1.100 aziende si sono impegnate a raggiungere le zero emissioni nette entro il 2050, utilizzare l’elettricità prodotta al 100% da fonti rinnovabili,  rinnovando le loro flotte con veicoli elettrici,  migliorando la gestione energetica dei loro edifici  e lavorando con i loro fornitori per abbassare le emissioni.  45 degli investitori maggiori al mondo assicurano il loro impegno investire responsabilmente.  452 città, 22 regioni, 594 università in tutto il mondo si sono unite alla Race to Zero (Corsa allo Zero),  e molti altri stanno per unirsi. Ma dobbiamo andare oltre.  Tra oggi e la conferenza dell’ONU sul Clima COP26, nel novembre 2021,  vogliamo accelerare il passo di tutta l’economia globale.  Siamo in un momento cruciale.  Non abbiamo tempo da perdere.  E voi potrete aiutare assicurandovi che la società o la comunità dove lavorate  si unisca subito alla corsa.

Nigel Topping: Voglio dirvi perché questa è una corsa che possiamo vincere.  Possiamo vedere i percorsi verso lo zero netto in ogni settore,  dal cemento e acciaio, ai trasporti marittimi ed aerei.  Sì, ci sono dei problemi tecnici da risolvere,  ma sono conosciuti e ben definiti.  Ed è per questo che esistono gli ingeneri. Abbiamo leader coraggiosi in ogni settore dell’economia  che hanno preso l’impegno di trasformare l’intera catena del valore  per vincere la propria corsa allo netto.  Il 2050 è l’obiettivo di LafargeHolcim, la più grande azienda di cementi,  e anche per la compagnia di trasporti Maersk.  Il 2040 è l’obiettivo per Amazon.  E il 2039 per l’inventore del primo motore a combustione interna, la Mercedes,  il 2030 per Apple  e per la società brasiliana di cosmesi, Natura.  Se lo possono fare loro, possono farlo anche i loro concorrenti. E già conosciamo la curva di ogni trasformazione industriale:  ogni transizione –  dai cavalli alle macchine,  dalle valvole ai transistor,  dalla pellicola al film digitale e ora dai veicoli a combustione a quelli elettrici –  ci mette molto a cominciare, poi cresce esponenzialmente prima di stabilizzarsi alla totale adozione da parte del mercato. Vediamo questa crescita esponenziale salire settore dopo settore,  con volumi che crescono e costi che scendono.  Non ascoltate chi vi dice:  “Hanno solo il 4% del mercato”.  La vera domanda è:  in quanto tempo questa percentuale è raddoppiata dal 2% al 4%? Questo tempo di raddoppio è costante nella crescita esponenziale.  Per cui, se è di due anni, ecco la chiave,  la quota di mercato raddoppierà a otto, 16, 32, 64,  e la transizione sarà completa in dieci anni. Sappiamo come vincere la Corsa allo Zero,  ma lo possiamo fare solo se molti, molti di voi si uniranno: ogni azienda, ogni investitore, città, regione, nazione, ogni scuola, università, associazione sportiva e cittadino.

Possiamo contare su voi?

 

Tradotto da Nicoletta Pedrana
Recensito da Chiara Polesinanti

image_pdfScarica la pagina in PDFimage_printStampa la pagina