Condividi

“Per la maggior parte della storia umana non avevamo letteralmente idea di dove fossimo.” E’ la sorprendente osservazione fatta dagli autori Ian Goldin e Robert Muggah nell’introduzione al loro nuovo affascinante libro, Terra Incognita – 100 Maps to Survive the Next 100 Years (in inglese).

Sin dall’antichità abbiamo usato le mappe per dare un senso a ciò che ci circonda. Ma come disse una volta Albert Einstein, “non puoi usare vecchie mappe per esplorare un nuovo mondo”. Ora che il mondo sta cambiando più velocemente che mai, le nostre vecchie mappe non sono più adatte allo scopo. Da questo impulso è nato il libro Terra Incognita.

Sulla base di decenni di ricerca e combinando mappe satellitari e all’avanguardia con analisi illuminanti e appassionate, Ian Goldin e Robert Muggah tracciano un quadro minuzioso dell’impatto dell’umanità sul pianeta e dei modi in cui possiamo salvarlo e prosperare come specie.

Gli autori non solo analizzano lo sviluppo delle mappe geografiche, da un’illustrazione del mondo del 150 d.C. a versioni moderne un po’ meno precise, ma rivelano approfondimenti sugli sviluppi culturali globali, tra cui l’incredibile ascesa di McDonald’s e Netflix.

“Siamo in un mondo conosciuto. In questo libro usiamo le mappe per spiegare alcune delle nostre più gravi sfide esistenziali e alcune delle soluzioni più stimolanti. Stiamo vivendo un periodo di disorientante incertezza e infinite opportunità. La nostra speranza è che queste mappe e immagini possano educarci e guidarci verso nuovi luoghi di intuizione e comprensione.” hanno dichiarato gli autori.

Vediamo alcune mappe del libro, pubblicate su Dailymail:

La geografia di Tolomeo (150 dC) di Johannes Schnitzer – 1482. Gli autori descrivono questa mappa come “una delle più influenti di tutti i tempi … è stata la prima a mostrare longitudine e latitudine”. Tuttavia, “sono state valutate male le dimensioni, l’ubicazione e la forma della maggior parte dei paesi e dei corsi d’acqua”

Johannes Schnitzer – 1482

Orbis Terrae Compendiosa Descriptio di Gerardus Mercator – 1569. Questa mappa è stata “trasformativa”. Prodotta da un leggendario cartografo, geografo e cosmografo. L’innovazione di Mercator, spiegano gli autori, è stata quella di utilizzare una proiezione cilindrica e mantenere le linee di latitudine e longitudine ad angoli di 90 gradi coerenti su una rotta costante, consentendo ai marinai di navigare negli oceani del mondo in modo più efficiente. Tuttavia, la mappa, che è la base per la maggior parte delle mappe moderne, ha una carenza intrinseca: distorce le dimensioni dei paesi verso i poli. Così Alaska, Canada, Russia e Antartide, per esempio, sembrano tutti molto più grandi di quanto non siano in realtà.

Orbis Terrae Compendiosa Descriptio di Gerardus Mercator – 1569

Le mappe di Mercator e Gall-Peters sono sovrapposte per mostrare le dimensioni dei paesi rispetto alle dimensioni effettive.

Mercator e Gall-Peters

Nella prossima mappa invece ogni punto rappresenta una singola posizione di McDonald’s. La mappa rivela come la catena di fast-food raggiunge il Sud America, l’Africa meridionale e il Sud-est asiatico. McDonald’s ha iniziato con un unico negozio alla fine degli anni ’30 e ora ha più di 36.000 punti vendita in oltre 100 paesi. 

Diffusione Mc Donalds

Nel 2019 ci sono state violenze più gravi al di fuori delle zone di guerra che in esse. Il libro sottolinea: “L’anno scorso sono state uccise più persone da bande, milizie e polizia in paesi come Brasile, Colombia, Messico, Filippine e Sud Africa che praticamente in tutte le zone di guerra messe insieme”. 

Violenza nel mondo

Come Netflix si è diffuso da uno a 190 paesi in dieci anni. Le mappe che seguono tracciano la diffusione di Netflix tra il 1997 e il 2015 e poi la crescita esplosiva nel 2016. Oggi, Netflix ha più abbonati a livello globale di ogni altro servizio di streaming combinato.

Espansione di Netflix

Queste due mappe invece confrontano l’accesso globale a Internet nel 2000 e nel 2018, con paesi in cui l’accesso è limitato a meno del 10% della popolazione colorata in giallo e paesi in cui il 50% e più della cittadinanza ha accesso ad Internet, colori dall’arancione al viola e al blu scuro (Dal 90 al 100%).

Mappatura della diffusione della caffetteria Starbucks nel mondo: ci sono più di 30.000 filiali Starbucks a livello globale, di cui un terzo negli Stati Uniti.

Diffusione Starbucks
image_pdfScarica la pagina in PDFimage_printStampa la pagina