Maricà, la città brasiliana che ha scommesso sul reddito di base

Passeggiando per le strade di Maricá, in Brasile, si ha la sensazione che qualcosa sia diverso in questa città rispetto ad altre nello stato di Rio de Janeiro. Questa città di mare è perfettamente pulita; a malapena c’è spazzatura, né persone che dormono per strada, rispetto alle città vicine con cumuli di spazzatura agli angoli delle strade e persone rannicchiate sulle porte. Di notte, le famiglie camminano liberamente lungo i viali appena lastricati e i punti panoramici sul lungomare. Maricá non è affatto una città abbiente in termini di auto di lusso o alloggi ma, rispetto ad altre città di dimensioni simili lungo la costa, si vede chiaramente una maggiore qualità della vita.

Il Brasile di solito non è associato a generosi programmi sociali. Tuttavia, Maricá, con i suoi 160.000 abitanti, sta avendo un enorme impatto sulla vita dei suoi cittadini.

Negli ultimi nove anni sono stati avviati vari programmi sociali, in particolare un programma di reddito di base chiamato Renda Básica de Cidadania, che viene erogato in una valuta sociale locale chiamata mumbuca, dal nome sia di un fiume che scorre attraverso Maricá che dal nome delle locali popolazioni indigene.

I residenti di Maricá che vivono in città da almeno tre anni e appartengono a una famiglia con un reddito familiare mensile fino a 3.135 real brasiliani (circa 612 euro) e che si sono iscritti al programma ricevono attualmente 170 mumbuca al mese. La mumbuca si converte in real con un rapporto di 1 a 1, in un paese in cui la soglia di povertà è fissata a 178 real per famiglia al mese. I residenti ricevono 300 mumbuca al mese.

Una banca al servizio dei cittadini

I conti in valuta alternativa sono detenuti dal Banco Mumbuca, una banca di proprietà della città. Non esiste una forma fisica della valuta e i residenti possono gestire il denaro tramite l’app per cellulare della banca. La mumbuca è accettata all’interno della città in circa 3.000 esercizi, come alimentari, farmacie, parrucchieri etc… Ogni mese vengono effettuati circa 19 milioni di acquisti commerciali nella valuta alternativa.

La banca comunale di Maricá, Banco Mumbuca, è stata aperta nel 2013 con un saldo di cassa di 2 milioni di real (383.000 euro) ed è una filiale dell‘Instituto Banco da Periferia, un’organizzazione non governativa con sede a Fortaleza, nel nord-est del Brasile, il cui scopo è fornire servizi economici e sviluppo sociale per le comunità della regione.

Reddito di base finanziato dai proventi del petrolio

Nel 2010 il governo locale di Maricá ha deciso di aprire la banca per distribuire denaro proveniente dalle royalties derivanti dalle vendite di petrolio trovate nel bacino di Santos, lungo la costa di Maricá. L’obiettivo era distribuire le entrate per aiutare i 13.000 residenti di Maricá che vivevano in quel momento in condizioni di estrema povertà.

La banca aveva solo 40 conti aperti il ​​primo giorno, un inizio lento, e all’epoca distribuiva solo 85 mumbuca a persona al mese. “Come pioniere, il comune di Maricá ha dovuto inventare una forma di ingegneria sociale e politica per, allo stesso tempo, rendere economicamente sostenibile il programma di reddito di base, convincendo i commercianti che sarebbe stato un vantaggio anche per loro e il vantaggio per le persone in situazioni vulnerabili”, ha affermato Adalton Mendonça, segretario all’economia del consiglio di Maricá. “Le squadre si sono radunate nelle piazze, nei negozi, per registrare, creare conti, aprire sportelli bancari… anche con qualche difficoltà siamo riusciti a vincere questa battaglia, ma continuiamo nella lotta per rendere un diritto il reddito di base”. A fine 2021 la banca aveva 65.367 conti attivi.

I commercianti al dettaglio che accettano mumbuca pagano una commissione del 2%, che paga una linea di credito a tasso zero offerta da Mumbuca Bank agli imprenditori nei segmenti di mercato formali e informali, con il programma che aiuta i residenti ad aprire attività che altrimenti non avrebbero potuto aprire. I residenti possono anche ricevere prestiti per la casa senza interessi a mumbuca.

Non solo reddito di base

Durante la pandemia di COVID-19, Maricá ha aumentato i suoi pagamenti per aiutare a ridurre gli effetti dannosi della pandemia sui suoi cittadini. Da aprile a giugno 2020, i residenti hanno ricevuto 170 mumbuca in più al mese. Inoltre, nel 2020, l’Abono Natalino, un pagamento aggiuntivo pagato a dicembre di ogni anno attraverso il programma mumbuca, è stato pagato con otto mesi di anticipo, ad aprile, quindi i beneficiari del programma hanno ricevuto 430 mumbuca ad aprile 2020. Ai lavoratori informali, “micro-imprenditori” della città che non sono iscritti al governo federale, è stato anche pagato lo stipendio minimo del governo di 1.045 real (210 dollari) a mumbuca per tre mesi. “La mumbuca mi ha aiutato molto durante la pandemia, perché nessuno comprava nulla”, ha detto Rose Souza, che gestisce una piccola impresa che vende borse.

Washington Quaquá, sindaco di Maricá fino al 2016, è stato ispirato ad avviare il programma di reddito di base nella città dal sogno di vedere una società egualitaria. “La nostra sfida è garantire un reddito minimo per le famiglie bisognose e anche fare leva sullo sviluppo dell’economia locale “, ha affermato in una nota all’epoca. In quanto membro del Partido dos Trabalhadores (Partito dei lavoratori), ciò era del tutto in linea con l’ideologia socialista del partito. Il successore di Quaquás, Fabiano Horto, anche lui del Partito dei Lavoratori, continua a sostenere fermamente il programma.

Il governo locale vede il successo del programma in base a quanti dei suoi residenti hanno accesso e utilizzano la mumbuca: più di 42.000 famiglie si sono iscritte dal lancio del programma. “Ogni cittadino della città ha il diritto di avere un reddito dalla risorsa delle royalties petrolifere”, ha detto Horto al quotidiano O Dia nel 2019. Il sindaco ha detto che intende investire responsabilmente i soldi ricevuti dal petrolio. Il fondo sovrano creato per gestire le royalties tratterrà il 5% del denaro ricevuto ogni mese per rendere la mumbuca e altri programmi sociali sostenibili per il futuro. Nel 2022, il fondo patrimoniale dovrebbe controllare 1 miliardo di real (210 milioni di dollari).

Un aiuto ulteriore agli studenti

Il governo locale fornisce anche 1,8 milioni di mumbuca per più di 2.000 studenti che vivono a Maricá, offrendo agli studendi 50 mumbuca al mese e un supporto aggiuntivo di 1.200 mumbuca per incentivare gli studenti a continuare gli studi. “Daremo a questi giovani l’opportunità di iniziare a pensare, sin dalla tenera età, a ciò che vogliono per la loro vita” , ha detto nel 2019 Adriana Luiza da Costa, segretaria all’istruzione a Maricá. “Con questa risorsa i giovani potranno pensare a formare aziende, cooperative e produrre il proprio lavoro. Educare è questo, sognare insieme, realizzare i sogni e dare loro le ali per poter volare”. 

Trasporti gratuiti e biciclette per tutti

La città ha utilizzato la sua quota delle entrate petrolifere per finanziare altri servizi sociali al di fuori del programma di reddito di base. Nel 2021, il governo della città ha anche creato un programma di trasporto locale gratuito all’interno della città, insieme a 188 pensiline degli autobus e 37 linee di trasporto. Gli autobus si chiamano vermelhinhos, che può essere tradotto in “piccoli rossi”, un cenno al colore associato al Partito dei Lavoratori.

Nel novembre 2022, i beneficiari del programma di reddito di base dovrebbero ricevere una tessera che consente l’accesso ai mezzi di trasporto municipali in tutta la città. Nel 2022, l’Università Federale di Rio de Janeiro prevede di sviluppare modelli ibridi ed elettrici di questi autobus. La città gestisce anche un programma gratuito di biciclette pubbliche accessibile tramite un’app mobile.

Diverse città dello stato di Rio de Janeiro ricevono royalties dal petrolio, ma fino al 2022 nessuna di loro, a parte Maricá, aveva utilizzato i fondi per affrontare direttamente la povertà. Nell’ultimo anno, il modello mumbuca ha ispirato altre città dello stato di Rio de Janeiro, come Niteroí, un’altra città costiera con una popolazione di 450.000 persone, a creare le proprie valute comunitarie sulla base del successo di questo modello. La valuta sociale di Niteroí si chiama arariboia e ha iniziato i pagamenti nel gennaio 2022 a 27.000 famiglie.

Anche gli stati al di fuori di Rio de Janeiro stanno mostrando interesse per il programma. “Oggi, questa storia di successo si estende ad altri stati, come Bahia, che ha già dimostrato la sua intenzione di prendere il modello, e lo stato di Minas Gerais, che ha comuni che hanno programmato visite per conoscere il nostro modello”, ha affermato il sindaco. “Quindi è un modello sostenibile che ha il sostegno popolare, il sostegno politico e il riconoscimento nazionale e internazionale. In questo senso, crediamo di essere sulla strada giusta”.

Nota di redazione: A questo link lo studio, in corso, sul reddito universale di Maricà, a cura del Jain Family Institute, leader mondiale nella ricerca sul reddito di base, con la collaborazione dell’ Universidade Federal Fluminense.

 

Traduzione dell’articolo di Nikola Grace Radley, che ringraziamo, pubblicato su YES!