Condividi
Foto di Shutterstock

In Giappone sono le patatine fritte, in Canada lo sciroppo d’acero, nel Regno Unito l’alcool, mentre in Nuova Zelanda è lo zucchero di canna. Sono solo alcune delle numerose carenze che colpiscono i consumatori e le imprese di tutto il mondo. Ora, gli esperti del settore avvertono che la crisi della catena di approvvigionamento provocata dalla pandemia potrebbe durare per molti altri mesi e anche fino a due anni, a causa dell’insorgenza della variante Omicron.

Come si legge sul TheGuardian, “Esperti del settore ed economisti ritengono che i problemi potrebbero persistere a lungo poiché la rete del commercio mondiale, già indebolita da mesi di arretrati di spedizione, carenza di manodopera e tensioni geopolitiche, rimane traballante”.

Maersk, una delle tre grandi compagnie di navigazione, ha affermato che “i maggiori ritardi sono ancora sulla costa occidentale degli Stati Uniti, dove le navi aspettano quattro settimane per lo scarico a causa della mancanza di lavoratori a terra”. Questo crea un caotico effetto a catena in tutto il mondo con navi bloccate e un eccesso di container in alcuni porti negli Stati Uniti e in Europa.

Oltre alla possibile carenza di prodotti, economie come gli Stati Uniti stanno affrontando un aumento dell’inflazione in una vasta gamma di beni, dall’energia alle mele, poiché un grandissimo flusso di domanda mette sotto pressione l’offerta insufficiente.

La spedizione rappresenta il movimento di almeno il 90% delle merci in tutto il mondo e il costo del trasporto di prodotti via mare è aumentato vertiginosamente nell’ultimo anno. Ad esempio, l’indice mondiale dei container Drewry, che misura il costo di spostamento di un container da 12 metri, è del 170% superiore rispetto a un anno fa. Il prezzo su alcune rotte particolarmente richieste come Shanghai-Rotterdam è aumentato di quasi il 200%; nel caso del porto olandese per New York il costo è aumentato del 212%.

I beni di prima necessità di base stanno aumentando di prezzo a causa dei costi di spedizione più elevati e dell’aumento della domanda da parte dei consumatori bloccati a casa per mesi e incapaci di spendere soldi in vacanze e uscite per eventi, locali, ristoranti etc…I prezzi del caffè sono raddoppiati nell’ultimo anno, secondo i dati attuali, così come il prezzo dell’avena. Legname, cotone, grano e olio di palma sono aumentati di oltre il 30%.

Anche il deterioramento delle relazioni tra Stati Uniti e Cina ha avuto un impatto maggiore di quanto si pensasse, mettendo in crisi i meccanismi del commercio mondiale dati per scontati per molti anni. Gli attacchi informatici e la robotica hanno anche portato le aziende a rivedere le loro catene di approvvigionamento e i materiali di origine più vicino casa.

Tiffany Compres, partner dello studio legale internazionale FisherBroyles con sede in Florida, ha dichiarato: “Ci vorrà del tempo per migliorare, affinché le aziende si adeguino e il quadro giuridico si adatti. Per aggiungere alla sfida, questa è una questione molto politica e le nazioni dovranno cooperare per portarci davvero a un nuovo modo sostenibile di gestire la catena di approvvigionamento. Sembra essere un compito arduo nella nostra era polarizzata. Prima che la pandemia colpisse, l’industria delle spedizioni aveva ridotto i costi di trasporto delle merci e aveva perfezionato il celebre sistema “just-in-time” in base al quale merci e pezzi di ricambio venivano spostati senza problemi in tutto il mondo e consegnati esattamente quando e dove erano necessari. Ciò ha ridotto drasticamente i costi aziendali, ad esempio riducendo o eliminando completamente la necessità di stoccaggio in loco.”

Per chiunque si aspetti che il mondo post-pandemia torni alla normalità, la risposta è negativa. Tutto ciò che era considerato normale prima della pandemia non tornerà.

Senza ombra di dubbio la chiave per un vero cambiamento è proprio “vicino casa”. Per non essere più divoratori seriali di kilometri.

image_pdfScarica la pagina in PDFimage_printStampa la pagina