Condividi
Photo Di Shutterstock

Il mattone cotto è un materiale da costruzione universale, prodotto con una tecnologia millenaria, che nel corso della storia raramente è stato utilizzato per altri scopi, se non quello per costruire le nostre case.

Ora, un team chimici ricercatori dell’Università di Washington a Saint-Louis negli Stati Uniti, hanno realizzato una sorta di “mattone aumentato” in grado di immagazzinare energia sufficiente per alimentare un LED. Tutto da un normale mattone che costa non più di 55 centesimi di euro.

Per ottenere ciò, i ricercatori hanno sviluppato un rivestimento in Pedot, un polimero conduttivo. Le sue nanofibre penetrano nella struttura porosa del mattone in modo che il polimero vi rimanga intrappolato. Collegati ai pannelli solari , una cinquantina di questi “mattoni aumentati” potrebbero immagazzinare elettricità sufficiente per alimentare l’illuminazione per cinque ore.

Un altro vantaggio è che un simile muro di mattoni, trasformato in tanti supercondensatori, può essere ricaricato centinaia di migliaia di volte e può essere costruito con mattoni nuovi e mattoni riciclati.

A questo link lo studio completo: https://www.nature.com/articles/s41467-020-17708-1

image_pdfScarica la pagina in PDFimage_printStampa la pagina