Condividi

Un numero sempre crescente di economisti afferma che il mondo dovrebbe intraprendere “un’azione immediata e drastica” per affrontare il cambiamento climatico, secondo un recente sondaggio dell’Institute for Policy Integrity della New York University.

Non intervenire contro i cambiamenti climatici potrebbe costare al mondo circa 1,7 trilioni di dollari all’anno entro i prossimi 4 anni. E il danno crescerebbe fino a circa 30 trilioni all’anno entro i prossimi 50 anni, secondo le stime dei 738 economisti di tutto il mondo intervistati dall’Institute for Policy Integrity della New York University.

“La gente scherza su come gli economisti non siano d’accordo sulla maggior parte delle cose”, ha detto Derek Sylvan, direttore strategico dell’istituto e uno degli autori del sondaggio. “Ma ci sembra di trovare un livello di consenso piuttosto forte” sull’importanza economica dell’azione per il clima.

Tre quarti degli intervistati hanno concordato fermamente che un’azione drastica dovrebbe essere intrapresa immediatamente, rispetto a solo la metà degli economisti intervistati dallo stesso istituto nel 2015. Ben tre quarti degli intervistati hanno concordato fermamente che un’azione drastica vada intrapresa immediatamente. È un aumento del 50% rispetto agli economisti intervistati dallo stesso istituto appena 6 anni fa.

Sul raggiungimento delle emissioni nette zero entro il 2050, due terzi hanno affermato che i costi di investimento verso tale obiettivo globale sarebbero superati dai benefici economici, che includerebbero la prevenzione dei disastri naturali, la conservazione delle infrastrutture e dei beni costieri e la protezione delle forniture alimentari.

Per evitare stravolgimenti climatici catastrofici, gli scienziati affermano che il mondo deve raggiungere emissioni nette zero entro il 2050.

Secondo l’Ufficio delle Nazioni Unite per la riduzione del rischio di catastrofi, il mondo ha assistito a oltre 7.300 gravi disastri naturali tra il 2000 e il 2019, che hanno ucciso circa 1,2 milioni e costato 3 trilioni di dollari di danni. Ciò si confronta con circa 4.200 disastri, portando a 1,19 milioni di morti e 1,6 trilioni di dollari di perdite durante i 20 anni precedenti, i dati mostrano.

“Alcuni luoghi sono più esposti e gli attuali livelli di reddito contano molto”, ha affermato Michael Greenstone, economista dell’Università di Chicago e direttore dell’Energy Policy Institute di Chicago. “Le disparità economiche rendono difficile applicare semplici analisi costi-benefici”, ha affermato. Ad esempio, una famiglia povera subirà perdite economiche notevolmente maggiori rispetto di una famiglia ricca.

A questo link è possibile scaricare il report completo, in inglese

image_pdfScarica la pagina in PDFimage_printStampa la pagina