I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. [Leggi i dettagli] [OK]

Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Terremoto: la sobrietà deve averla il governo - di Franco Bechis

  • 112

New Twitter Gallery

di Franco Bechis

Il Presidente del Consiglio dei Ministri, Paolo Gentiloni, si è quasi offeso per qualche critica arrivata alla gestione dell’emergenza nel terremoto e anche con la valanga di neve che si è abbattuta su quelle zone martoriate da mesi. Ha chiesto a tutta la politica sobrietà. Sobrietà, a dir la verità, dovrebbe avere il governo, perché quello che sta emergendo è una disorganizzazione totale della macchina pubblica in quelle zone, e anche l’abbandono a cui sono state lasciate le popolazioni che avevano già sofferto tanto dal 24 agosto a oggi.

Sobrietà vorrebbe dire non promettere quello che sai di non potere mantenere, sobrietà voleva dire non dire “ho consegnato le casette ed è chiuso il tema ad Amatrice” quando avevi consegnato - lo disse Matteo Renzi in televisione in diretta - in quel momento qualche asse con cui costruirne una ventina, mentre le esigenze ovviamente sono di centinaia.

Sobrietà vorrebbe dire non aspettare che i sindaci di quelle zone lancino ogni volta degli allarmi anche drammatici, anche disperati. Il sindaco di Amatrice ha un buon rapporto con i media, deve chiamare sempre televisioni, radio, altri media per dire quello che dice anche direttamente ai responsabili della macchina della Protezione civile, ma che poi non viene fatto.

La sobrietà è una caratteristica importante durante l’emergenza da parte del governo. Io ho letto il 17 gennaio un appello fatto al Commissario per la ricostruzione, Vasco Errani, da tutti gli ordini professionali coinvolti nella ricostruzione nelle Marche. E’ un appello drammatico, anche pieno di critiche perché raccontano che le ordinanze, le circolari sul terremoto hanno cambiato almeno 5 o 6 volte le regole. E a questo punto i professionisti, sto parlando degli ingegneri, geometri, architetti che stavano lavorando nella zona, si rifiutano di farlo.

6000 persone che lavoravano lì dicono: “in queste condizioni non è possibile lavorare”. O vi mettete intorno a un tavolo e decidete una volta per tutte quello che va fatto - non ci fate fare una valutazione quando non avete ancora fatto la raccolta di tutti i detriti e portato via le macerie - oppure lavorare in queste condizioni è assolutamente inutile.

Sono molte le pecche che stanno emergendo in questa gestione della macchina organizzativa. So per certo – perché ho parlato con i diretti responsabili – che c’è un’organizzazione di volontariato che, ad esempio, aveva dei container già pronti che avevano utilizzato in altre occasioni e che li hanno offerti alla Protezione civile, al Commissario per la ricostruzione, perché li dessero ai terremotati. Alcuni di questi container servivano ad esempio per mantenere, come fossero delle stalle, gli allevamenti con un minimo di protezione e un minimo di calore. L’offerta è arrivata tra fine ottobre e i primi di novembre. E’ stata rifiutata, dicendo: “Noi vogliamo fare le cose regolari, fare le gare, non possiamo accettare questo modo di procedere.” Il risultato è stato che sotto la grande nevicata stanno morendo quasi tutti gli animali. Non sono protetti comunque anche quelli che sono vivi in questo momento. Di container ne sono stati consegnati 2 su 350 promessi.

Questi sono i risultati di un disastro organizzativo. Altro che non fare critiche. Bisogna dare voce a tutta la popolazione locale, che si lamenta in continuazione e ha mille ragioni per farlo, e a tutti gli amministratori locali che spesso si sono battuti soprattutto contro la burocrazia. Mille regole che hanno messo, sono decine le ordinanze, le circolari o della Protezione civile o del Commissario per la ricostruzione che hanno fatto null’altro che complicare la vita alla gente. Poi non si può abbandonarli lì.

Se c’era una cosa che era prevedibile, lo hanno detto in molti, erano le grandi nevicate in questo periodo. È impensabile che non esistano sul luogo, in una zona che era già devastata dal terremoto e che aveva tanti problemi di viabilità, i mezzi necessari ad assicurare di arrivare.

Ho sentito anche dal Responsabile della protezione Civile delle cose che non hanno alcun senso. La portavoce della Protezione in TV ha detto che non sapevano quanta gente era ritornata nelle case. Chi deve saperlo, se le case sono state dichiarate agibili e la popolazione è rientrata? Non c’è nemmeno una mappa di quelle, quindi non sapevano dove intervenire nel caso di emergenze, perché non sapevano se c’era qualcuno in quelle case.

Allora, qui il problema è la sobrietà nell’azione del governo, che non faccia più annunci che poi non è in grado di mantenere, che siano semplicemente degli spot per le mille campagne elettorali che ci sono, e anche una sveglia nell’azione, perché questa gente non può più essere lasciata sola, abbandonata, come è stato. Deve avere l’idea di avere di fronte uno Stato che protegge i propri cittadini soprattutto nel momento del bisogno.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

21 Gen 2017, 15:12 | Scrivi | Commenti (112) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

Tags: bechis, disastro, gentiloni, governo, renzi, sobrietà, terremoto



Donald Trump, tra Kennedy e Reagan

  • 150

truna.jpg

di Fulvio Scaglione

“Unità” nel 2001, per il primo discorso inaugurale di George W. Bush. “Libertà” nel 2004, per il suo secondo mandato alla Casa Bianca. “Speranza” nel 2008, per l’irruzione sulla scena del mondo di Barack Obama. “Responsabilità” nel 2012 per la conferma del primo Presidente nero. E adesso, con Donald Trump? Non v’è dubbio, la parola-chiave che il tycoon diventato Presidente ha usato al momento di insediarsi a Washington è stata “protezione”.

 
(continua...)

21 Gen 2017, 10:00 in | Scrivi | listen_it_it.gifAscolta | Stampa | Commenti (150)
Twitter Gallery

Risposta alle domande frequenti sul MoVimento 5 Stelle in Europa

  • 201

borrelligrillo.jpg

immagine: David Borrelli e Beppe Grillo insieme a un evento nel 2009 quando il sogno del MoVimento 5 Stelle era appena cominciato.


Caro David, non abbiamo da rimproverarci nulla, sono altri a doversi vergognare per essersi rimangiati la parola data. Chi non capisce oggi, sono sicuro che capirà col tempo. Ti ringrazio per tutto quello che hai fatto, fai e farai per il bene del MoVimento 5 Stelle. Beppe Grillo


di David Borrelli


Dal 2014, quando siamo entrati nel Parlamento europeo, abbiamo sempre voluto creare un gruppo nostro: un MoVimento 5 Stelle in Europa. Sono passati alcuni giorni dall’operazione politica che abbiamo cercato di portare a casa. E’ arrivato il momento di fare chiarezza.

 
(continua...)

20 Gen 2017, 18:30 in | Scrivi | listen_it_it.gifAscolta | Stampa | Commenti (201)

Cosa deve insegnarci l'emergenza terremoto

  • 72

gdffnve.jpg

di MoVimento 5 Stelle

Dall’Hotel Rigopiano giunge la notizia di un vero miracolo che commuove tutti e riaccende la speranza. Non potremo mai ringraziare abbastanza gli uomini e le donne che stanno facendo l’impossibile, operando senza sosta e in condizioni durissime.

 
(continua...)

20 Gen 2017, 15:11 in | Scrivi | listen_it_it.gifAscolta | Stampa | Commenti (72)
Twitter Gallery

Programma energia M5S: la rete di distribuzione aperta ai cittadini

  • 77

mppulit.jpg

di MoVimento 5 Stelle

Il programma energetico del Movimento 5 Stelle prevede il passaggio totale dalle fonti fossili alle energie rinnovabili entro il 2050. Il quesito che viene proposto oggi riguarda la distribuzione dell’energia elettrica: “La rete di distribuzione dell'energia deve essere privata o partecipata anche dai cittadini?”. Ce ne parla Fabio Roggiolani, fondatore di GIGA, Gruppo Informale per la Geotermia e l’Ambiente.

 
(continua...)

20 Gen 2017, 10:08 in | Scrivi | listen_it_it.gifAscolta | Stampa | Commenti (77)
Twitter Gallery

#ColCuoreInAbruzzo

  • 199

ioabruzz.jpg

di MoVimento 5 Stelle Abruzzo



La nostra regione sta vivendo un momento drammatico e tutti noi siamo nuovamente messi a dura prova. Alcuni territori sono allo stremo. Maltempo, neve, pioggia e terremoto ci hanno colpito con veemenza, migliaia di cittadini sono isolati da giorni, senza energia elettrica e, in alcuni casi, senza acqua corrente. I fiumi continuano ad ingrossarsi, la terra frana e la pioggia cade incessante e non accenna a smettere.
Seguiamo con apprensione l'evolversi delle operazioni di soccorso in tutta la regione e, in particolare, siamo vicini ai nostri concittadini rimasti intrappolati da una slavina all'interno dell'Hotel Rigopiano e alle loro famiglie. Ringraziamo tutti i soccorritori che si stanno adoperando, in condizioni disperate, per salvare le vite di decine di persone.

 
(continua...)

19 Gen 2017, 14:19 in | Scrivi | listen_it_it.gifAscolta | Stampa | Commenti (199)
Twitter Gallery

Immigrati: dal business dell'accoglienza ai proclami del governo

  • 111

migranti1sa.jpg

di MoVimento 5 Stelle

+272%: questo l’aumento del flusso dei migranti in Italia nei soli primi 12 giorni del 2017, 729 a 268 rispetto all’anno precedente. Nel 2016 sono sbarcate oltre 180 mila persone.

Non si può continuare a fingere che tutto ciò sia “inevitabile”, e soprattutto che non si possa gestire se non come un business e un giro di soldi di cui beneficiano in pochi (tra cui non certo i migranti). A partire da Renzi e Alfano, fino alla new entry Minniti, i governi italiani hanno saputo solo fare proclami, imporre rassegnazione, ed erogare denaro e favori al cosiddetto business dell’accoglienza. Solo quando l’opinione pubblica preme, annunciano a favor di telecamera di voler “sbattere i pugni in Europa”, ma anche i sassi hanno ormai capito che il concetto di solidarietà, per Merkel e compagnia, è il modello Grecia. Ognun per sé austerity per tutti, in barba persino ai trattati.

 
(continua...)

19 Gen 2017, 10:16 in | Scrivi | listen_it_it.gifAscolta | Stampa | Commenti (111)
Twitter Gallery

I soldi per il terremoto ci sono: usiamoli!

  • 146

terrrem_ans.jpg

di MoVimento 5 Stelle


>>> Risultati delle votazioni di oggi: Per il programma energia hanno votato 23.850 iscritti certificati. Hanno votato SI in 20.746 e NO in 3.104
Per il candidato sindaco di Palermo hanno votato 590 iscritti certificati residenti a Palermo. Salvatore Forello ha ricevuto 357 voti e Igor Gelarda 233.
Grazie a tutti coloro che hanno partecipato. <<<

Oggi nel Centro Italia la terra è tornata a tremare violentemente, a ripetizione. Ad aggravare la situazione le abbondanti nevicate che da giorni flagellano quei territori e la cui portata è stata palesemente sottovalutata. La notizia più importante è che non risultano vittime ma i disagi sono enormi: paura tra la popolazione, impraticabilità delle strade, strutture e stalle crollate sotto il peso della neve, collegamenti ferroviari interrotti.

 
(continua...)

18 Gen 2017, 17:16 in | Scrivi | listen_it_it.gifAscolta | Stampa | Commenti (146)
Twitter Gallery

Mantenere gli impegni presi con gli elettori: #QuestoèilMoVimento 5 Stelle

  • 91

ssa5s.jpg

di MoVimento 5 Stelle

Il Codice di comportamento che il MoVimento 5 Stelle propone ai propri candidati ed eletti e che questi ultimi accettano, come impegno morale, etico e politico nei confronti degli elettori, attraverso la libera sottoscrizione, è legittimo, valido e pienamente efficace.

Se lo mettano bene in testa tutti: dai partiti ai giornali, fino ai sapientoni della vecchia politica.

 
(continua...)

18 Gen 2017, 14:48 in | Scrivi | listen_it_it.gifAscolta | Stampa | Commenti (91)
Twitter Gallery

DIRETTA - Lavoro 2025: come evolverà il lavoro nel prossimo decennio

  • 73

2025la_v.jpg

di MoVimento 5 Stelle



La società industriale, centrata sulla produzione di beni materiali come le auto e i frigoriferi, è nata nella metà del Settecento e si è esaurita nella metà del Novecento. Ralf Dahrendorf avverte che solo nella metà dell’Ottocento, cioè cento anni dopo la sua nascita, la "società industriale" fu così definita da Lorenz V. Stein.

 
(continua...)

18 Gen 2017, 09:39 in | Scrivi | listen_it_it.gifAscolta | Stampa | Commenti (73)
Twitter Gallery

Grazie al MoVimento 12,5 milioni di euro per la sicurezza dei ciclisti

  • 138

cicli12_12.jpg

di MoVimento 5 Stelle

Ci sono voluti quasi 4 anni, due flash mob, svariate interrogazioni, interpellanze, campagne mediatiche. Ma alla fine, il ministro ha dovuto firmare, e rendere disponibili e finalmente davvero operativi i 12,5 milioni di euro reperiti grazie al Movimento 5 Stelle (emendamento a firma Michele Dell’Orco al decreto del Fare del 2013) e destinati alla sicurezza dei ciclisti.

 
(continua...)

17 Gen 2017, 13:00 in | Scrivi | listen_it_it.gifAscolta | Stampa | Commenti (138)
Twitter Gallery

Arriva Sharing, la nuova app di #Rousseau: la condivisione fa la forza

  • 33

lacodfalaf.jpg

di Massimo Bugani



Ciao a tutti! Oggi all’interno della nostra piattaforma Rousseau finalmente lanciamo la funzione Sharing, cioè quell’applicazione che permetterà la condivisione di atti all’interno delle istituzioni. Si tratta di un tassello fondamentale per il nostro Sistema Operativo e per il MoVimento 5 Stelle stesso.

 
(continua...)

17 Gen 2017, 11:04 in | Scrivi | listen_it_it.gifAscolta | Stampa | Commenti (33)
Twitter Gallery

Mobilità sostenibile, siamo gli ultimi della classe

  • 116

coloricari.jpg

di Gianni Girotto



Sulla mobilità elettrica l’Italia è ferma al palo. Troppa burocrazia. Talmente tanta che non si riescono a spendere neanche i soldi pubblici già stanziati. Infatti, dei 50.000.000 di euro stanziati in tre anni per le ricariche delle auto elettriche, dal 2013 al 2015, finora lo Stato è riuscito a spenderne meno di 6.300 di tipografia per stampare i bandi.
A segnalarlo è la Corte dei Conti in un documento di accusa alla politica di grave inefficienze in un settore strategico per il futuro della sostenibilità in cui il cittadino italiano è doppiamente scoraggiato dai prezzi alti delle vetture elettriche e da un numero di colonnine di ricarica non adeguato.

 
(continua...)

16 Gen 2017, 16:11 in | Scrivi | listen_it_it.gifAscolta | Stampa | Commenti (116)
Twitter Gallery

Tutti i post del mese di Gennaio 2017