Condividi
Photo Di Shutterstock

di Carl Bildt – Un crescente “nazionalismo vaccinale” sta mettendo a rischio lo sforzo globale contro la pandemia COVID-19. A metà marzo, il coronavirus ha infettato circa 120 milioni di persone in tutto il mondo e ucciso circa 2,6 milioni. Si tratta di numeri enormi, ma rappresentano una piccola parte della popolazione mondiale, quindi la pandemia ha ancora molta strada da percorrere.

La buona notizia è la risposta senza precedenti alla crisi. Il normale processo di sviluppo e approvazione del vaccino richiede in genere fino a dieci anni, ma in questo caso le aziende farmaceutiche lo hanno completato in meno di un anno. L’Organizzazione mondiale della sanità ha già approvato quattro vaccini COVID-19 per uso emergenziale. Inoltre, sono stati creati meccanismi globali per facilitare una distribuzione rapida ed equa dei vaccini.

Ma mettendo da parte ciò, la verità è che la maggior parte dei paesi pensa solo a se stessa e non presta attenzione all’interconnessione globale, per cui saremo tutti vulnerabili fino a quando il virus non potrà essere eliminato ovunque. Come l’OMS continua a sottolineare, nessuno sarà al sicuro finché tutti non saranno al sicuro.

Abbiamo già esperienza diretta dell’elevato rischio che nuove varianti del virus ostacolino o addirittura rovinino l’intero sforzo di vaccinazione. Abbiamo a che fare con le nuove varianti britanniche (B.1.1.7), sudafricane (B.1.351) e brasiliane (P.1) e non c’è modo di sapere dove ci sarà la prossima. Più a lungo dura la pandemia, maggiori sono le possibili nuove mutazioni che consentono al virus di eludere i vaccini attuali. La domanda non è se accadrà, ma quando.

Inoltre, quando emergono nuove varianti, c’è da aspettarsi che prima o poi si diffondano in tutto il mondo. Dovremmo già sapere che i confini nazionali e la distanza fisica offrono solo una protezione limitata.

Ma una risposta globale completa e coordinata non solo ci proteggerà dalla minaccia biologica, ma ha anche una chiara giustificazione economica. In un’economia globale integrata come la nostra, ciò che accade in una regione influenzerà necessariamente le altre. Un recente studio commissionato dalla Camera di Commercio Internazionale, che ha prodotto risultati sorprendenti, ci avverte che “l’economia globale può perdere fino a 9,2 trilioni di dollari se i governi non garantiscono l’accesso ai vaccini COVID per le economie in via di sviluppo. -19, e di quella perdita. fino alla metà ricadrà sulle economie avanzate. I rapporti di RAND Europe e dell’Eurasia Group presentano risultati simili.

Il costo della lotta alla pandemia deve essere visto in questa prospettiva. Il budget iniziale dell’OMS per il 2020-21 è stato stimato in $ 38 miliardi. Una mobilitazione senza precedenti di risorse pubbliche e private, insieme ai contributi di organizzazioni multilaterali e donatori, ha ridotto il deficit di finanziamento a 22 miliardi. Ma sono briciole rispetto alla stima di perdita fornita sopra (per non parlare dei trilioni di dollari già spesi per aiutare le famiglie e le imprese nell’ultimo anno).

Tuttavia, la minaccia del nazionalismo vaccinale è ancora presente. I governi devono affrontare un’intensa pressione politica interna per vaccinare le loro popolazioni prima di consentire la spedizione delle dosi in altri paesi. E alcune nazioni, come Cina, India e Russia, hanno iniziato a utilizzare le forniture e le spedizioni di vaccini come strumento di politica estera.

Ma mentre il nazionalismo vaccinale può sembrare politicamente opportuno, è controproducente. Ogni nuova restrizione alla spedizione di vaccini rende la loro distribuzione generale ancora più difficile e aumenta il rischio che non arrivino dove sono più urgentemente necessari. Oggi più che mai abbiamo bisogno di un’economia mondiale aperta, trasparente e funzionale. E più che mai, abbiamo bisogno di politici con una visione di statisti piuttosto che calcolatori tattici.

Non dobbiamo commettere errori: stiamo affrontando una prova storica della nostra capacità di unirci contro una minaccia condivisa. Naturalmente rimangono i vecchi conflitti, rivalità e fonti di tensioni geopolitiche; Ma la situazione attuale richiede di essere in grado di trascenderli.

Siamo “noi contro di loro”: l’umanità contro il virus e le sue tante mutazioni. Se non ci uniamo nella battaglia, saremo uniti nella sconfitta.

Articolo tratto da Project-syndicate.org

Carl Bildt è stato ministro degli esteri svedese dal 2006 al 2014 e primo ministro dal 1991 al 1994. Diplomatico internazionale e inviato speciale delle Nazioni Unite per i Balcani e copresidente della Conferenza di pace di Dayton. È copresidente del Consiglio europeo delle relazioni estere. 

image_pdfScarica la pagina in PDFimage_printStampa la pagina