Condividi

Un team di scienziati del Terasaki Institute for Biomedical Innovation in California ha sviluppato delle lenti a contatto che diagnosticano il cancro rilevando le sostanze chimiche tumorali trovate nelle lacrime durante le prime fasi della malattia.

Gli esosomi, una forma di piccole vescicole extracellulari, svolgono un ruolo cruciale nelle metastasi dei tumori e quindi sono studiati come potenziali biomarcatori per la diagnosi del cancro. Tuttavia, i metodi di rilevamento convenzionali e le analisi del microRNA sono costosi e richiedono noiosi pretrattamenti e lunghi tempi di analisi. Poiché è stato riportato che gli esosomi correlati ai tumori esistono nelle lacrime, un team di ricerca ha sviluppato una particolare lente a contatto che cattura questi “messaggeri segreti” all’interno del nostro corpo.

La lente è stata progettata con microcamere legate ad anticorpi in grado di catturare gli esosomi trovati nelle lacrime. Questa lente a contatto microcamerale di segnalazione coniugata con anticorpi (ACSM-CL) può essere colorata per il rilevamento con anticorpi specifici marcati con nanoparticelle per la visualizzazione selettiva.

Ciò offre una potenziale piattaforma per il pre-screening del cancro e uno strumento diagnostico di supporto che è facile, rapido, sensibile, conveniente e non invasivo.

“Gli esosomi sono una ricca fonte di marcatori e biomolecole che possono essere presi di mira per diverse applicazioni biomediche”, ha affermato Ali Khademhosseini, Direttore del TIBI “La metodologia che il nostro team ha sviluppato facilita notevolmente la nostra capacità di attingere a questa fonte.”

A questo link è possibile scaricare lo studio completo

image_pdfScarica la pagina in PDFimage_printStampa la pagina