Condividi

Le mense delle università di Berlino offriranno principalmente pasti vegani e vegetariani dal prossimo semestre per rendere i menu più rispettosi del clima.
Gli studenti potranno ordinare pasti da menu che sono per il 68% vegani, il 28% vegetariani e solo il 4% di carne e pesce dall’inizio di ottobre.

Secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’ agricoltura, gli animali da allevamento sono responsabili del 14,5% delle emissioni globali di gas serra .

Un rapporto del 2019 dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) ha descritto le diete a base vegetale come una grande opportunità per mitigare i cambiamenti climatici.

Daniela Kummle di Studierendenwerk, un gruppo di sostegno agli studenti, ha dichiarato alla BBC che c’è stata una crescente domanda di piatti senza carne nelle loro mense. La signora Kummle ha citato i risultati di un sondaggio tra studenti del 2019, che ha rilevato che il 14% degli studenti di Berlino ha dichiarato di essere vegano e un ulteriore 33% vegetariano.

Lo Studierendenwerk, che gestisce 34 mense nelle università e nei college di Berlino, ha rivisto il suo menu durante la pandemia “in modo che la nostra offerta sia più rispettosa del clima”.

I piatti che gli studenti potranno ordinare includono uno stufato di verdure vegano con latte di cocco e lenticchie rosse e una ciotola di ceci e quinoa con verdure e semi di chia. La signora Kummle ha affermato che, a parte alcuni commenti negativi sui social media, la risposta degli studenti finora è stata prevalentemente positiva.

La prima mensa vegana per studenti di Berlino è stata aperta presso l’Università tecnica della città nel 2019, evidenziando una crescente preferenza per il cibo a base vegetale in Germania. In effetti la dieta è così popolare lì che la Germania è in cima alla lista del veganismo in uno studio internazionale sulle abitudini alimentari di Veganz nel 2020 . I risultati hanno mostrato che 2,6 milioni di persone – circa il 3,2% della popolazione – sono vegani e circa 3,6 milioni (4,4%) sono vegetariani.

image_pdfScarica la pagina in PDFimage_printStampa la pagina